04/03/15

anonima...



Mi piace la mia figa. Mi è sempre piaciuta, fin da quando ero bambina. Molte volte mi spogliavo davanti allo specchio, aprivo le gambe e guardavo quella strana cosa che, se la toccavo, mi dava tantissimo piacere. Non tutte le fighe sono uguali. Anzi, posso dire che alcune fighe sono proprio brutte. La mia no, la mia è bellissima. Senza peli, con il Monte di Venere ben pronunciato. Le labbra che sembrano quelle di una bocca, ma gonfie e carnose quando sono eccitata. Il clitoride sempre pronto a lanciarsi verso il cielo, duro e molto sensibile. Lo guardo allo specchio e vorrei essere una contorsionista per poterlo leccare e mordere. Il clitoride è il mio punto debole. Mi basta sfiorarlo per provare delle sensazioni meravigliose. E amo introdurre le dita nella mia figa. Esplorare il suo interno in quel punto strano che, se sollecitato, mi fa andare in paradiso. E mi piace sentire il mio sapore. Leccare le dita appena uscite dalla mia figa. (...) dice che la mia figa ha un buon sapore e non posso che darle ragione. La mia figa è bellissima, niente da dire.

Nessun commento:

Posta un commento